Brancolini Edi

9 maggio 2015

Sono esposte 28 opere di varie dimensioni e soggetti. C'è una chiave di lettura trasversale in senso pittorico, simbolico, naturalistico, esistenziale, filosofico.
Brancolini, negli effetti cromatici acidi, negli accordi di una realtà naturalistica, nelle figure umane plastiche tanto da sembrare mitologiche, trascrive delle situazioni diverse di fronte a un destino comune.
La casualità dell'evento prevale nell'elemento unificatore che convoglia gli aspetti umani nella natura circostante, in idee di straordinaria espressività dei volti, dei gesti, delle posture con i loro problemi collegati.
I 28 exempla proposti rivestono, in generale, il carattere del racconto pittorico.
Un racconto libero, non certo sensuale e tantomeno erotico. Vedo arguzia ed ironia. In ogni composizione, il realismo è massimo, fino a dissolversi in se stesso e trasformarsi in iconologia di immagini simboliche e allegoriche.
Lo spirito dell'idea immaginativa, unifica ogni aspetto verso "un'unità astratta", cioè la concezione della vita nell'ordinamento sociale in cui essa si è incarnata nel corso delle ultime generazioni.
I vari accostamenti cui si può fare riferimento, potrebbero servire solamente da corollario, in quanto la conseguente verità è già segnata…

Amor sacro e amor profano 1